MARE:SITUAZIONE ESTATE 2017

SECONDO L'ARPA L'ACQUA DEL NS MARE E' ECCELLENTE-LEGGI L'ARTICOLO

Tutte le news
LIDO DI SPINA - ZONA SUD SPIAGGIA LIBERA

Qualità igienico sanitaria delle acque dei nostri lidi eccellente. È quanto emerge dai monitoraggi periodici eseguiti dall’Arpa Emilia Romagna che ogni estate esegue diverse analisi sulle acque di balneazione di tutta la costa della regione. Due prelievi a lido di Volano, tre a lido delle Nazioni, uno a Pomposa e Scacchi, due a Portogaribaldi, quattro a Lido degli Estensi e tre a Lido di Spina, tutti con valori sotto i limiti di legge per Echericchia Coli ed Enteroccocchi intestinali. In particolare 15 campioni su 16, per gli enteroccocchi hanno dato valori inferiori a 10 Mpn per 100ml di acqua, mentre solo in un prelievo a Lido degli Estensi i valori erano a 171, comunque sotto il limite dei 200. Valori inferiori a 10 Mpn per 100ml di acqua, anche per l’eschericchia coli in 14 campioni su 16, con due prelievi a lido degli Estensi che hanno fatto registrare valori leggermente più alti, a 20 e 41. Di tutta la costa emiliano romagnola solo un campione prelevato a Rimini ha fatto registrare valori sopra la norma, già tra l’altro rientrati. Le acque di balneazione sono classificate secondo quattro classi di qualitàeccellentebuonasufficiente scarsa, sulla base dei valori degli indicatori Escherichia coli ed Enterococchi intestinali. Qualora le acque siano temporaneamente definite “scarse”, le Regioni e le Province autonome, a decorrere dalla stagione balneare successiva, devono: adottare adeguate misure di gestione, inclusi il divieto di balneazione, per impedire l´esposizione dei bagnanti all’inquinamento;individuare le cause e le ragioni del mancato raggiungimento dello status qualitativo “sufficiente”; applicare adeguate misure per impedire, ridurre o eliminare le cause di inquinamento;avvertire il pubblico mediante un segnale chiaro e semplice ed informarlo delle cause dell´inquinamento nonché dei provvedimenti adottati sulla base del profilo delle acque di balneazione.

Se le acque di balneazione sono classificate di qualità  “scarsa” per cinque anni consecutivi, è disposto un divieto permanente di balneazione che le regioni e le province autonome possono anche attuare prima della scadenza del termine dei cinque anni stessi nel caso ritengano che il  raggiungimento di una qualità “sufficiente” non sia fattibile o comunque eccessivamente costoso.



Cookies policy

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. Per saperne di più fai click qui.